Scroll to top

5 modi in cui il consulente assicurativo può esserti d’aiuto


Grassi Assicurazioni - 21 Ottobre 2022 - 0 comments

Ottobre è il mese dedicato all’educazione finanziaria e assicurativa. Gli italiani non hanno mai brillato per conoscenze e competenze in questo ambito.

Diversi rapporti tra cui anche l’ OECD/INFE 2020 International Survey of Adult Financial Literacy ma anche il  Rapporto 2021 sulle scelte di investimento delle famiglie italiane della CONSOB hanno evidenziato come l’Italia sia molto indietro rispetto al resto del mondo, soprattutto per quanto riguarda i comportamenti e la pianificazione finanziaria.

Il livello di conoscenza finanziaria è medio, con circa il 50% delle risposte corrette e in crescita di tre punti rispetto alla precedente indagine. La cultura del risparmio resta diffusa, circa il 75% degli intervistati ma manca il corretto atteggiamento verso la creazione e il rispetto di un piano e di un budget finanziario. Gli Italiani risparmiano, ma non sanno come investire i propri soldi.

La quota di persone che partecipano ai mercati finanziari è passata al 34% rispetto al 30% del 2019, ma ancora troppe persone si affidano ai consigli di parenti amici, piuttosto che affidarsi ai professionisti del settore.

 

La cultura assicurativa degli Italiani

Una recente indagine IVASS 2021 ha valutato la preparazione in ambito assicurativo degli italiani su una scala da 0 a 100 in base alle conoscenze di base e dei prodotti assicurativi, valutazione e propensione al rischio, decision making e comunicazione con gli intermediari.

Dal rapporto emerge che gli uomini sono più preparati delle donne, ma il punteggio resta più basso per il sud e le isole, dove emerge anche una propensione al rischio maggiore. Questo influenza la minore percezione del bisogno di tutela.

La conoscenza media italiana non raggiunge la sufficienza e si ferma a poco più di 40 punti, ma aumenta progressivamente maggiore è il livello di scolarizzazione e l’età fino a 64 anni.

La fiducia è un altro elemento importante nella propensione ad assicurarsi. Il 68% dichiara di avere una buona o elevata fiducia nel proprio intermediario.

 

Il concetto di rischio

Nel rapporto emerge anche la mancanza di consapevolezza nella definizione del concetto di incertezza e rischio.

Il rischio è inteso come una situazione in cui è possibile prevedere le probabilità che un evento accada. Un terzo dei rispondenti confonde il concetto di rischio con il concetto di incertezza.

Il risk management è alla base di una buona pianificazione degli obiettivi e delle coperture e una grave lacuna grave per garantire un piano di protezione efficace in autonomia.

 

L’intermediario assicurativo di oggi

La direttiva europea recepita dal Regolamento IVASS n.40 in materia di distribuzione di prodotti assicurativi sancisce un nuovo ruolo per il consulente assicurativo basato sulla consulenza professionale e il risk management. Una visione ben lontana dalle vecchie ottiche che ascrivevano l’intermediario assicurativo alla categoria dei venditori. Questa filosofia ha predominato nel mercato negli anni 80 e 90, penalizzando la professione dell’assicuratore.

Il consulente assicurativo di oggi non deve avere niente a che fare con il venditore di polizze, ma deve essere un professionista che mette al centro del suo lavoro i bisogni dei clienti e li guida alla realizzazione dei loro obiettivi.

Il consulente assicurativo può educare e colmare la tua cultura assicurativa.

 

5 modi in cui ti può aiutare il consulente assicurativo

Se la consulenza è svolta in maniera professionale ed etica, anche se purtroppo non sempre questo avviene, il consulente ti è d’aiuto a migliorare la tua conoscenza, renderti consapevole dei rischi e del tipo di protezione più adeguato.

5 modi in cui il consulente ti supporta sono:

1. Analisi dei bisogni e consapevolezza dei rischi
Alcuni bisogni assicurativi possono essere molto sentiti e puoi essere pienamente consapevole delle tue paure e dei tuoi obiettivi. In base alla tua propensione al rischio, alla tua cultura assicurativa e allo stile di vita, alcuni bisogni potrebbero non essere così palesi. Il consulente, dopo una analisi del tuo tenore di vita, del tuo patrimonio e status familiare saprà individuare le aree in cui è bene ricercare la giusta protezione.

2. Quantificazione dei rischi
In alcuni casi, pur essendo consapevole dei rischi che corri, puoi non avere le risorse o le competenze per stimare il potenziale danno che potrebbe derivarne. Questo aspetto è invece indispensabile per sottoscrivere contratti con coperture adeguate che ti tutelano davvero quando si presentano eventi spiacevoli della vita. Il ruolo dell’intermediario è trasferirti le sue conoscenze per poter fare scelte consapevoli e informate.

3. Pianificazione degli obiettivi
Come hanno dimostrato le recenti ricerche di mercato, gli italiani non attuano comportamenti virtuosi nella pianificazione finanziaria e assicurativa. Sapere quando e di quale somma avrai o potrai aver bisogno in futuro per essere preparato agli eventi belli e meno belli della vita è un buon punto di partenza. Anche in questo frangente, il tuo consulente saprà interpretare le tue esigenze e le tue preoccupazioni e accompagnarti nel tuo percorso di vita.

4. Migliore comprensione delle soluzioni a disposizione
Capire il meccanismo di funzionamento delle polizze non è immediato, soprattutto per i non addetti ai lavori. Sottoscrivere soluzioni assicurative con un professionista in grado di spiegarti esattamente quando le coperture si attivano, quali eventi non sono inclusi nel contratto e in che modo la polizza risponde in maniera puntuale ai tuoi bisogni, fa la differenza. Purtroppo, spesso ci si rende conto di questo valore aggiunto solo dopo che si verificano i sinistri, quando il prodotto acquistato online e dopo una consulenza poco etica non sono sufficienti a fornire una tutela adeguata.

5. Supporto e sicurezza
Il consulente assicurativo che svolge il suo lavoro con professionalità e codice di condotta impeccabile si dedica all’ascolto, ti rende consapevole dei rischi che corri te e per la tua famiglia, e ti trasferisce quella serenità di cui hai bisogno sapendo che hai a disposizione le migliori tutele possibili in base alla tua situazione personale, patrimoniale e finanziaria, nonchè al tuo profilo di rischio e alla tua capacità di risparmio. Soprattutto, il vero consulente assicurativo ti accompagna nei tuoi cambiamenti e scelte di vita, facendo in modo che la tua protezione sia personalizzata e in linea con i passi che compi nella sfera personale e professionale.

Se desideri verificare l’adeguatezza delle tue coperture attuali con uno dei nostri consulenti, puoi contattarci al numero 079 231790 o scriverci a info@grassiassicurazioni.it. Saremo felici di aiutarti.

 

 

Related posts

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *